War of Wonders

Dal gioco di ruolo a quello di carte! Il vasto universo di Project H.O.P.E., fortunato gioco di ruolo italiano, si espande con l’aggiunta di questo interessante card-game di Simone Luciani.
Il mondo di Project H.O.P.E. è ambientato durante una Seconda Guerra Mondiale alternativa, e in War of Wonders ci ritroviamo nei panni di un generale (americano o nazista) che deve contrastare la minaccia avversaria usando gli ultimi ritrovati della scienza bellica: i superuomini! Grazie a numerosi esperimenti entrambe le fazioni in guerra sono infatti giunte allo stesso risultato, e ora sui cieli dei fangosi campi di battaglia europei sfrecciano supereroi americani e dell’Asse, con poteri incredibili e impegnati in missioni impossibili per qualsiasi semplice soldato.
Scopo del gioco è collezionare 20 punti vittoria, guadagnabili risolvendo le missioni o attivando particolari abilità dei nostri eroi. I superuomini sono di diverso tipo, e richiedono spesso determinati tipi di “carte-edificio” per poter essere reclutati e assegnati ad una delle tre tipologie di missioni presenti. Una volta piazzati, gli eroi sommano il proprio punteggio e sottraggono la forza degli avversari per determinare il successo o il fallimento della missione alla quale sono stati assegnati.
Il punto chiave del motore di gioco sono i punti azione, che vengono guadagnati ad ogni turno ma non sono cumulabili. Grazie ad essi è possibile costruire le “carte-edificio”, attivare molte abilità ma anche “evolvere” le missioni per guadagnare più punti e ottenere effetti speciali quando vengono risolte. Questa idea porta a dover studiare a fondo ogni mossa per ottimizzare la propria strategia, sia essa aggressiva o difensiva, e per cercare di ottimizzare la spesa dei punti azione che ci vengono assegnati. Molto interessante è anche il meccanismo di “costruzione/reclutamento”, che prevede la possibilità di creare una “coda di costruzione” su cui accumulare gradualmente punti azione, per costruire carte costose senza sprecare troppe risorse immediatamente.
Prodotto dagli amici della LimanaUmanita, War of Wonders si rivela essere un gioco di carte non collezionabili incredibilmente profondo e solido, con infinite possibili strategie e un’ottimo bilanciamento. Da provare assolutamente, e visto anche il prezzo… da comprare!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *